scritta bianca 'a fine tunnel' sfondo verde con teschietti immagini di panni stesi e di una di lampada a forma di papera in dissolvenza sullo sfondo scritta 'a fine tunnel', in corsivo
scritta bianca 'a fine tunnel' sfondo verde con teschietti immagini di panni stesi e di una di lampada a forma di papera in dissolvenza sullo sfondo scritta 'a fine tunnel', in corsivo
scritta bianca 'a fine tunnel' sfondo verde con teschietti immagini di panni stesi e di una di lampada a forma di papera in dissolvenza sullo sfondo scritta 'a fine tunnel', in corsivo
GUarDo Le stELLE Mi soNo rimASte soLo quelle.
---{ venerdì, agosto 30, 2002 }---

Heilà, non c’è nessuno!! Siete ancora tutti in vacanza?! Io sono tornata da 1 settimana e mi sembra sia passato già 1 mese dal mio arrivo!

Mi si prospettava un agosto da commessa nel negozio dei miei ( cosa che ho sempre cercato di evitare data la mia mancanza di pazienza ad ascoltare gli umori dei clienti ma necessaria per non pesare troppo sulle spalle dei genitori) e invece 2gg prima della fine di luglio, 2gg prima dell’ultimo esame della sessione estiva, 2gg prima del mio ingresso nel mondo del lavoro, mi è arrivato un sms: “ ti interessa il nord?” .Nessun messaggio promozionale,era un amico che cercava qualcuno che lo accompagnasse in un bel viaggio con una coppietta. Non che io avessi molto tempo per decidere: la partenza era stata fissata per la settimana successiva.

Il Nord Europa mi ha sempre attirata nei mesi estivi. Qualcuno pensa che sia un controsenso volere ancora il freddo e la pioggia invece di godersi il caldo e il sole tanto attesi. In effetti non è questo che vado a cercare. Quello che mi attira è l’aria pulita, la vegetazione rigogliosa, i colori vivi e accesi, le lunghissime giornate,.... un mondo di fate e gnomi.

E così, passato lo stress da esame, racimolati tutti i soldi messi da parte, avuto il consenso della mamma, non ho fatto attendere molto la mia risposta.

Nel frattempo si è aggiunto anche un quinto ragazzo toscano,che ha reso un po’ più vario il gruppetto.
Il 6 agosto, zaini in spalla, siamo partiti da Udine per un Inter Rail di 12gg nella zona C: Danimarca,Germania,Austria e Svizzera.

Dopo 24 ore di treno siamo giunti a Copenhagen. Un giro per cercare l’ostello ( abbiamo condiviso la camera con altre 68 persone!) e subito siamo entrati nel vivo della città: Radhuspladsen (la piazza più grande su cui si affaccia l’enorme municipio), lo Stroghet (la lunga arteria pedonale), Nyhavn (il porto “turistico”), Christiania ( la comune hippy fondata nel 1971 e ancora attiva), Rosenborg Have (l’immenso prato dove abbiamo pranzato )....

Premetto che il nostro non è stato assolutamente un viaggio culturale: ci siamo limitati a fare una “passeggiata” in tranquillità fra i posti che ci interessavano di più “emotivamente” .

E così siamo finiti a Grenen, la località più a nord della Danimarca, dove si incontrano e si scontrano il Mare del Nord e il Mar Baltico. Uno spettacolo. le onde s’intersecano perpendicolarmente alla costa per formare una lunga linea bianca in mezzo all’acqua. Incredibile anche come questi 2 mari siano così diversi fra loro: il Baltico non è né molto salato né molto freddo, ha un colore verde scuro, onde forti e un fondale ricco di sassi e conchiglie. Il Mar del Nord invece è limpidissimo, freddo, ha un moto ondoso lento e proprio per questo più inquietante; i suoi fondali sono costituiti da una sabbia fine e chiara che mette in risalto il blu intenso dell’acqua.

Non pensate che siamo rimasti solo a guardare come la maggior parte dei turisti: tolti i vestiti, indossato il costume, in un minuto eravamo a sguazzare fra le onde ( ..credo che saremo entrati in molti album fotografici di gente presente in quel momento..)

Uno di noi voleva assolutamente mettere i piedi in Svezia, e allora via! Siamo salpati su una nave (50% di sconto Inter Rail sulla tariffa notturna = circa 4 euro) che in meno di 3 ore ci a traghettati fino a Goteborg.
Arrivando all’una di notte, l’unico luogo comodo che ci ha accolto è stato il prato di una chiesa vicina al porto. Devo ammettere che non è stato un sonno molto tranquillo.
Il giorno successivo poi era domenica e la città è rimasta completamente assopita fino a mezzogiorno. Dopo ore girate a vuoto lamentandoci per l’assenza di qualsiasi bar per fare almeno colazione, ci siamo imbattuti casualmente in una specie di sagra cittadina: stands, giochi, musica, ristori e gente, tanta gente... proprio quello che ci voleva per riconsiderare la città!
In più siamo riusciti a trovare anche un baracchino che, fra tanti wustel e hamburger, teneva un cassetto magico con una marea di delizie vegan!! Se ci penso mi viene ancora l’acquolina in bocca!

Il nostro viaggio è proseguito verso Berlino. La notte che abbiamo messo piede nella capitale, diluviava. Non vi dico in che condizioni siamo giunti all’ostello! Per fortuna quello è stato l’unico momento di brutto tempo della vacanza.

Berlino: un cantiere aperto. Credo di non aver mai visto tante gru in vita mia. Chissà come sarà fra qualche mese, un anno, 8 anni?..per il 2010 hanno previsto la fine dei lavori...chissà cosa ne uscirà?!
La vita di quella città mi affascina tantissimo. Soprattutto Berlino est: ha dei quartieri diversissimi fra loro, alcuni palazzi rimodernati, altri risistemati solo sviluppandoli in altezza , altri lasciati ai writers, altri con delle corti interne da esplorare... Si percepiscono diversi modi di pensare, di esprimersi, la voglia di andare avanti, continuare... insomma voglio tornarci. ( ps. visto che il costo della linea metropolitana più diffusa è inclusa nell’ Inter Rail, chissà se in futuro converrà comprarsi questo biglietto anche solo per visitare Berlino?!)
Qui ci siamo rimasti qualche giorno in più del previsto a causa del mal tempo che in quel periodo imperversava sul resto d’Europa.

Cavolo, ne avrei di cose da raccontare...gli ostelli, il cibo, i motivi più frequenti di discussione, i personaggi incontrati in treno,...non ho il dono della sintesi...Foto?! ne ho fatte tantissime!! Forse quelle riassumono meglio i miei ricordi... troverò il modo per farvene vedere qualcuna un giorno...

CIAO!!


ps. adesso sono stata reclutata in negozio fino a fine agosto: devo ammettere che ho trovato il modo di impormi (sempre cortesemente) sugli acquisti dei clienti e il tutto mi risulta un po’ più semplice e sopportabile ;-)

posted by jasmin @ 3:39 PM

0 commenti
     consolle :
how it should be
 
    mini me (milo)
icona con cartellina{30}
 
     disclaimer | policies:
icona con pennaYOUR EMOTIONS MAKE YOU A MONSTER
 
     letti. visti. ascoltati:
icona con occhiali :: Dürrenmatt "La promessa"
:::Surfer Blood
::::::Up in the air
 
     da jasmine :
icona con occhiali
 
     Yes!:
icona con gesto 'ok!' Buckn.
Tamas
accentosvedese
ted©
lpr
li'l bluez
uppsala derail
Marco
Stillill
vom
SMARTZ

Sorry I missed your party
Bob
 
     manifesto
icona con documento
 
    
icona con busta per lettera email me
 
    
The WeatherPixie

powered by blogger!, blogger image

powered by Blogger : written by milo aukermann + guests : layout by *gentleman*